Pubblicato il nuovo Regolamento di Ateneo per il finanziamento di attività culturali e sociali promosse da studentesse e studenti

Parma, 27 gennaio 2023 – È stato pubblicato sul sito web di Ateneo il nuovo Regolamento per il finanziamento di attività culturali e sociali promosse da studentesse e studenti.

Concepito con l'intento di riconoscere l'importanza delle iniziative autogestite da studentesse e studenti nei settori della cultura e degli scambi culturali, dello sport e del tempo libero, valorizzandole e sostenendole, il Regolamento disciplina con maggior dettaglio il lavoro della Commissione incaricata dal Consiglio di Amministrazione di valutare le richieste di finanziamento presentate dalle Associazioni studentesche, modifica le tipologie di spese finanziabili e non finanziabili, modifica le modalità per la rendicontazione delle spese.

Il documento sottolinea l'importanza della Commissione preposta a esaminare le richieste di finanziamento e in particolare stabilisce i compiti che le spettano, quali l'analisi delle domande, la facoltà di chiedere chiarimenti a studentesse e studenti per eventuali approfondimenti e la successiva proposta di finanziamento per i progetti più meritevoli, da sottoporre all'approvazione del CdA. 

Viene inoltre disciplinata la richiesta di utilizzo della somma accantonata a disposizione della Commissione, per il cui impiego deve essere presentata istanza motivata al Presidente della Commissione stessa. 

Per quanto attiene alle spese finanziabili e non finanziabili, vengono esclusi dai contributi i materiali inventariabili a favore del più flessibile noleggio o leasing di attrezzature che si renda necessario per la realizzazione di un progetto.

Per quanto riguarda poi la rendicontazione delle attività svolte, il nuovo Regolamento è stato pensato per essere in linea con le normative e gli obblighi fiscali vigenti, rendendo necessaria la presentazione di opportuni giustificativi che ne rispettino le norme. 

Il documento disciplina con maggior dettaglio il lavoro della Commissione di valutazione, modifica le tipologie di spese finanziabili e non finanziabili e le modalità per la rendicontazione

No Sidebar (nella colonna di destra sotto il menu di navigazione contestuale se presente) Studenti e studentesse Il documento disciplina con maggior dettaglio il lavoro della Commissione di valutazione, modifica le tipologie di spese finanziabili e non finanziabili e le modalità per la rendicontazione Nascondi

Roma Expo 2030: le Università italiane a sostegno della candidatura

Parma, 27 gennaio 2023 – Nei giorni scorsi le Università italiane, rappresentate dalla CRUI, e il Comitato promotore per Roma Expo 2030 hanno firmato un accordo che impegna gli Atenei nella campagna di sostegno alla candidatura della Capitale per ospitare Expo 2030.

La lettera di intenti è stata sottoscritta da Giampiero Massolo, Presidente del Comitato Promotore per Roma Expo 2030, e da Salvatore Cuzzocrea, Presidente della Conferenza dei Rettori delle Università italiane-CRUI.

Il mondo accademico italiano si mette così al servizio come hub internazionale per la formazione accademica, la cultura e la ricerca scientifica e si rivolge a tutte le Università del mondo per costruire insieme la generazione della sostenibilità.

Accordo firmato dalla CRUI e dal Comitato promotore

Roma Expo 2030 No Sidebar (nella colonna di destra sotto il menu di navigazione contestuale se presente) Roma Expo 2030 Nascondi

16 febbraio: scadenza bando per 308 tirocini curriculari al MAECI

Parma, 27 gennaio 2023 - È online il bando di selezione per 308 tirocini curriculari CRUI (di cui 22 con svolgimento a distanza) nelle Rappresentanze Diplomatiche, negli Uffici Consolari e negli Istituti Italiani di Cultura del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale – MAECI. Possono candidarsi gli studenti iscritti a uno dei corsi di laurea indicati nel bando.

Le candidature al bando possono essere inviate esclusivamente per via telematica collegandosi all’applicativo online entro le ore 17 del 16 febbraio 2023.

I tirocini si svolgeranno dal 15 maggio al 11 agosto 2023: sul bando nell’elenco delle offerte sarà dettagliata accanto a ciascuna offerta la modalità di svolgimento dei singoli tirocini, se in presenza o a distanza. Qualora in una o più sedi che richiederanno il tirocinio in presenza si dovesse registrare un peggioramento della situazione sanitaria, il MAECI si riserva di poter modificare in qualsiasi momento la modalità di svolgimento.

I tirocinanti saranno impegnati nella realizzazione di ricerche, studi, analisi ed elaborazione di dati utili all'approfondimento dei dossier trattati da ciascuna Sede. Gli studenti potranno essere anche coinvolti nell'organizzazione di eventi e assistere il personale del MAECI nelle attività di proiezione esterna.

Bando completo

Elenco Atenei partecipanti

Per tirocini in sedi del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale

pexels-photo-9331326.jpeg No Sidebar (nella colonna di destra sotto il menu di navigazione contestuale se presente) Sguardo aperto sul mondo Nascondi

7 febbraio: convegno su immigrati e lavoro e presentazione del Dossier statistico immigrazione 2022

Parma, 27 gennaio 2023 - Martedì 7 febbraio, alle 16, al Dipartimento di Scienze Economiche e Aziendali dell’Ateneo (Sala Keynes, Biblioteca di Economia), è in programma il convegno Lavoro, impresa e welfare: il contributo degli immigrati in un’ottica di integrazione, organizzato con il Centro Studi e Ricerche IDOS, Assindatcolf, CGIL e CISL Emilia Romagna.

Nel corso del convegno sarà presentato il Dossier Statistico Immigrazione 2022, curato da IDOS.

L'iniziativa si propone di analizzare, attraverso l’esposizione dei dati contenuti nel Dossier e gli approfondimenti di studiosi ed esperti dell’economia e del lavoro dei migranti, le caratteristiche strutturali dell’inserimento socio-occupazionale dei cittadini stranieri in Italia e a livello territoriale, il loro apporto all’economia e le prospettive per una migliore integrazione nel tessuto sociale, economico e produttivo del Paese e del contesto locale, a beneficio dell’intera collettività e di tutto il “sistema Paese”.

È significativo, ad esempio, che in Italia gli stranieri incidono più tra i lavoratori (10,0%: 2.257.000 occupati su un totale nazionale di oltre 22,5 milioni nel 2021) che tra la popolazione nel suo complesso (8,8%: 5.194.000 residenti su una popolazione totale di 59 milioni). Inoltre sebbene, rispetto agli italiani, i lavoratori stranieri siano impiegati per meno ore di quelle che sarebbero disposte a lavorare (sottoccupati) e in occupazioni demansionate rispetto al livello di formazione acquisito (sovraistruiti), ancora ai livelli più bassi della scala delle professioni e con una scarsissima mobilità occupazionale e sociale, svolgendo i lavori più precari, pericolosi, pesanti e sottopagati, essi continuano a sostenere in misura rilevante l’economia nazionale e contribuiscono al benessere collettivo. A ciò bisogna aggiungere che le attività di imprese condotte da immigrati (642.638) costituiscono un decimo del totale (10,6%) in Italia, e la loro crescita è rimasta costante pure negli anni di crisi e di pandemia

Mario Menegatti, Direttore del Dipartimento di Scienze Economiche e Aziendali dell’Università di Parma, darà avvio al convegno. Seguiranno gli interventi di Luca Di Sciullo (presidente del Centro Studi e Ricerche IDOS), Andrea Zini (presidente di Assindatcolf) e Andrea Lasagni  (docente di economia applicata dell’Università di Parma). A seguire gli approfondimenti specifici con Tania Scacchetti (responsabile immigrazione CGIL nazionale) e Antonio Amoroso (responsabile immigrazione CISL Emilia Romagna).

Concluderà Caterina Bonetti, Assessora a Servizi Educativi e Transizione Digitale del Comune di Parma.

A ciascun partecipante sarà distribuita una copia del Dossier statistico immigrazione 2022.

Durante tutta la durata del convegno sarà possibile scaricare la versione integrale del Dossier​​​​​​ www.dossierimmigrazione.it

 Info: andrea.lasagni@unipr.it

Alle 16 al Dipartimento di Scienze Economiche e Aziendali

Si Sidebar (nella colonna di destra sotto il menu di navigazione contestuale se presente) dossier Nascondi

7 febbraio: in Aula magna la presentazione del nuovo libro di Alberto Pellai

Parma, 27 gennaio 2023 - Martedì 7 febbraio alle 17, nell’Aula Magna della Sede centrale dell’Università di Parma (Str. dell’Università 12), Alberto Pellai, saggista, medico, psicoterapeuta dell’età evolutiva e ricercatore dell’Università di Milano, presenterà in anteprima nazionale il suo ultimo libro Ragazzo mio. Lettera agli uomini veri di domani (De Agostini, 2023).

L’incontro è promosso dal Comitato Unico di Garanzia - CUG dell’Università di Parma e dal Circolo Culturale il Borgo; partecipano anche la Pastorale Universitaria e l’Associazione Famiglia Più di Parma. Introduce e modera Fausto Pagnotta, docente a contratto in materie storico-politiche e sociologiche e assegnista di ricerca dell’Università di Parma, che ha curato l’organizzazione per l’Ateneo.

I saluti istituzionali saranno portati per l’Ateneo da Paolo Martelli, Prorettore Vicario, Francesca Nori, Presidente del CUG, e Paola Corsano, docente di Psicologia dello sviluppo e Psicologia dell’educazione. Interverranno le Assessore del Comune di Parma Beatrice Aimi (Comunità Giovanile e Politiche giovanili) e Caterina Bonetti (Servizi Educativi, Diritti e pari opportunità) e la Presidente del Centro Antiviolenza di Parma Samuela Frigeri.

Alberto Pellai terrà l’intervento La consapevolezza emotiva al maschile nelle relazioni di genere, per approfondire temi come l’emergenza educativa in merito alla gestione delle emozioni e alle modalità di vivere con rispetto e serenità la sessualità e l’incontro emozionale con l’altro da parte di adolescenti e preadolescenti, toccando anche le responsabilità del mondo adulto. Il filo rosso dell’intervento sarà la prevenzione della violenza di genere tra i più giovani.

L’iniziativa è aperta alla cittadinanza e si rivolge a giovani, genitori, insegnanti e tutti coloro che hanno compiti educativi e formativi.

Per informazioni: fausto.pagnotta@unipr.it.

Alle 17, in anteprima nazionale, il medico e psicoterapeuta dell’età evolutiva parla di “Ragazzo mio” e discute di prevenzione della violenza di genere tra i più giovani

Alle 17 con l'autore si parla di “Ragazzo mio” e di prevenzione della violenza di genere tra i più giovani Si Sidebar (nella colonna di destra sotto il menu di navigazione contestuale se presente) Alberto Pellai (foto da albertopellailibri.it) Nascondi

Giorno della Memoria, il Rettore Paolo Andrei: “Il dovere di ricordare”

Il 27 gennaio è una data che ciascuna e ciascuno di noi deve avere ben scolpita dentro di sé, una data che entra nell’intimo di ogni persona. La tragedia collettiva che quel giorno vuole ricordare – le deportazioni, le persecuzioni, le torture, le vite straziate, il dramma dei lager, le camere a gas e tutti gli orrori della Shoah – è tragedia universale e proprio per questo di ogni persona, affinché dalla memoria possano scaturire la testimonianza e l’impegno personale per sconfiggere l’indifferenza.

Abbiamo letto nei giorni scorsi dello sconforto della Senatrice Liliana Segre, sopravvissuta ad Auschwitz, che ha detto: “Una come me è pessimista. Una come me ritiene che tra qualche anno ci sarà una riga tra i libri di storia e poi più neanche quella”.

Noi tutti e tutte, in primis le Università e le altre istituzioni culturali, abbiamo il dovere di scongiurare questa prospettiva, e di combattere l’oblio, le derive e addirittura i negazionismi.

Abbiamo il dovere di ricordare. Per onorare le vittime della Shoah; per ribadire a quale grado di inumanità siano arrivati gli esseri umani; perché quello che è accaduto non succeda mai più.

Questo dovere, e la sua trasmissione alle giovani generazioni, è parte sostanziale e irrinunciabile del nostro essere Università, consapevoli che la memoria è il primo seme per agire nell’oggi e per costruire un futuro giusto, poggiato su fondamenta solide di verità.

Il Rettore
Paolo Andrei

Messaggio del Rettore Paolo Andrei
"Il dovere di ricordare" No Sidebar (nella colonna di destra sotto il menu di navigazione contestuale se presente) 27 gennaio: Giorno della Memoria Giorno della Memoria Nascondi

Gli eventi collaterali alla mostra “Labirinti della visione. Luigi Ghirri 1991”

Parma, 25 gennaio 2023 - Continua a crescere rapidamente il numero di visitatori, tra parmigiani e turisti, che arriva a Palazzo del Governatore per ammirare l’esposizione “Labirinti della visione. Luigi Ghirri 1991”: un interessante lavoro sul paesaggio culturale italiano, con oltre 150 fotografie, esposto per la prima volta nel trentennale della scomparsa di una delle figure più emblematiche della fotografia del secondo Novecento.

Oltre 6000 infatti sono state le presenze registrate nel primo mese di apertura della mostra, curata da Paolo Barbaro e Claudia Cavatorta, organizzata dal Comune di Parma in collaborazione con CSAC – Centro Studi e Archivio della Comunicazione dell’Università di Parma e Archivio Eredi Luigi Ghirri, con il sostegno della Regione Emilia-Romagna e di APT Servizi Emilia-Romagna.

Visto il grande successo ottenuto, l’Amministrazione Comunale insieme ai curatori e in collaborazione con CSAC, ha deciso di ampliare l’offerta culturale intorno alla mostra con un ricco calendario di appuntamenti aperti a tutti, adulti e bambini, profondi conoscitori dell’opera ghirriana, appassionati di fotografia o semplici curiosi.

A partire da giovedì 2 febbraio a Palazzo del Governatore si terrà un ciclo di quattro incontri, ad ingresso gratuito fino ad esaurimento posti, di approfondimento alla mostra che vedranno, ogni giovedì alle ore 17, studiosi ed esperti, come Arturo Carlo Quintavalle, Franco Guerzoni, Giovanni Chiaramonte, Paolo Zermani, riflettere sull'opera ghirriana e sul grande impatto che questa ebbe sulla cultura del secondo Novecento.

Giovedì 2 febbraio si terrà il primo incontro dal titolo “Luigi Ghirri, l'Insegnamento” con i curatori della mostra Claudia Cavatorta e Paolo Barbaro. Tra 1983 e 1984 Ghirri tenne lezioni di Storia della Fotografia all'Università di Parma e poi all'Università del Progetto di Reggio Emilia fondata da Giulio Bizzarri. La registrazione di queste lezioni, trascritta e corredata di note, sfociò nel 2010 nel libro Lezioni di fotografia. Cavatorta e Barbaro che si occuparono della redazione del volume racconteranno al pubblico il percorso dalla voce di Ghirri alla pubblicazione.

Giovedì 9 febbraio avrà luogo il secondo incontro: “Luigi Ghirri, l'Arte” con Arturo Carlo Quintavalle e Franco Guerzoni. L'inizio della fotografia per Ghirri è legato alla collaborazione ed amicizia con artisti concettuali; particolarmente intrecciato fu il percorso, inizialmente a quattro mani, con Franco Guerzoni. Per entrambi il rapporto con l'Università di Parma, con Quintavalle, sarà intenso e ininterrotto: in comune l'idea che l'arte sia una parte della comunicazione, un'idea di cultura che riguarda tutto il mondo delle immagini.

Giovedì 16 febbraio si terrà il terzo incontro dal titolo “Luigi Ghirri, la Fotografia” con Giovanni Chiaramonte, fotografo che ha condiviso con Ghirri praticamente tutto il percorso straordinario dalla fotografia di ricerca linguistica-concettuale alla nuova fotografia a colori di paesaggio, cambiando la relazione tra fotografia e paesaggio, architettura, definizione dei luoghi. Chiaramonte in quel contesto è stato, con Ghirri, editore, docente, teorico di quella stagione che fece della fotografie italiana una tra le più avanzate.

Infine, giovedì 23 febbraio il ciclo di appuntamenti si concluderà con l’incontro “Luigi Ghirri, l'Architettura” con Paolo Zermani che è l'architetto, con Aldo Rossi e Vittorio Savi, con cui Ghirri ha elaborato un peculiare approccio alla fotografia dell'architettura, modificandone confini e finalità. L'architetto racconterà del rapporto con il grande fotografo dalla prima committenza inerente le magiche foto delle sue opere giovanili, alla collaborazione e coinvolgimento in imprese editoriali come le riviste “Materia” ed “Eupalino”, il confronto, l'amicizia, l'eredità culturale.

Inoltre, visto il grande successo ottenuto durante le festività, il Comune di Parma riproporrà a Palazzo del Governatore, nei weekend di febbraio, i laboratori fotografici gratuiti per bambini, dai 6 ai 12 anni, a cura dell’Associazione Ottotipi Spaccio d’arte (prenotazione obbligatoria su App “Parma 2020 + 21”).

Sabato 4, 11, 18 e 25 febbraio alle ore 14.30 sarà proposto il laboratorio “Giochiamo con luci ed ombre”: con giochi pratici sul funzionamento dell’occhio e della camera ottica, ricollegati a quello della camera oscura, verrà introdotto il processo visivo e fotografico. Con piccole sagome realizzate con cartoncino e materiali di recupero si entrerà nella magica camera oscura, il luogo dove luce e ombra insieme si trasformano in linea che disegna. Ogni partecipante avrà la possibilità di sperimentare i fondamenti base della camera oscura per assistere dal vivo al funzionamento del processo fotografico e creare il proprio quadro parlante da portare a casa. 

Domenica 5, 12, 19 e 26 febbraio, alle ore 14.30, si terrà invece il laboratorio “Mettiamo il mondo in scatola” in cui si esplorerà la magia di vedere il mondo e, attraverso un piccolo forellino, inscatolarlo e fissarlo su carta. Dopo una breve introduzione all’ottica e alla formazione dell’immagine, ogni partecipante avrà a disposizione una latta fotografica e con questa potrà realizzare qualche scatto fotografico e vedere come l’immagine si svela in camera oscura e come da ogni latta nascono immagini differenti dello stesso mondo.

Da sabato 28 gennaio, ogni sabato fino alla conclusione della mostra, alle ore 15 e alle ore 17 (per un numero massimo di 25 persone a turno) sarà possibile usufruire di un accompagnamento in mostra gratuito senza necessità di prenotare.

Inoltre, ogni mercoledì dalle 10 alle 16, sarà attivato un servizio di accompagnamento in mostra gratuito riservato alle ultime classi delle scuole primarie e alle scuole secondarie di primo e secondo grado, prenotabile scrivendo a info.cultura@comune.parma.it

 

La mostra “Labirinti della visione. Luigi Ghirri 1991” è visitabile a ingresso gratuito, da mercoledì a domenica dalle ore 10 alle ore 19 (ultimo ingresso 18.30) fino al 26 febbraio 2023.

 

Un ricco calendario di appuntamenti gratuiti, per adulti e bambini, per approfondire l’universo ghirriano in occasione della mostra aperta a Palazzo del Governatore

No Sidebar (nella colonna di destra sotto il menu di navigazione contestuale se presente) La psiche al Museo Archeologico, Napoli, 1980 - Foto Luigi Ghirri Photo courtesy@Eredi Luigi Ghirri Nascondi

1° febbraio: presentazione del Laboratorio di partecipazione sociale

Parma, 24 gennaio 2023 - Mercoledì 1° febbraio alle 16 su piattaforma Teams, si terrà la presentazione del ‘Laboratorio di partecipazione sociale’ dell’Università di Parma, inserito nel corso di laurea in Servizi Sociali (Dipartimento di Giurisprudenza, Studî Politici e Internazionali, settore di Sociologia dei processi culturali), aperto a tutte le studentesse e a tutti gli studenti, e realizzato con la collaborazione del Centro Servizi Volontariato ‘CSV Emilia’.

Link Teams per partecipare

Il Laboratorio (che assegna 6 crediti liberi) ha lo scopo di orientare le ragazze e i ragazzi alla partecipazione civica attraverso una maggiore conoscenza dei contesti associativi in cui vivono. Non si tratta di una tradizionale esplorazione della teoria sociale sulle forme della partecipazione civico-politica, quanto piuttosto di un laboratorio di lettura della città come insieme di contesti d’azione sociale, scambio tra gruppi e istituzioni, sforzo collettivo di gestione del mutamento sociale verso orizzonti di minore disuguaglianza e così via.

Il percorso si sviluppa in due fasi. La prima, prevalentemente teorica, ha lo scopo di definire, in modo più generale, le dinamiche della partecipazione civico-politica all’interno della sfera pubblica, approfondendo i temi della cittadinanza sociale e delle diverse forme della partecipazione. Nella seconda fase, più operativa, le partecipanti e i partecipanti potranno svolgere attività concrete all’interno delle associazioni affiancati da un tutor e saranno guidati nella conoscenza dei processi legati alla partecipazione.

Info a questa pagina web

Le associazioni coinvolte e gli ambiti di azione

Alle 16 su piattaforma Teams. Realizzato in collaborazione con il Centro Servizi Volontariato CSV Emilia e aperto a tutte le studentesse e a tutti gli studenti

Si Sidebar (nella colonna di destra sotto il menu di navigazione contestuale se presente) Presentazione Laboratori studenti Nascondi