"Vedere l'invisibile": le conferenze di questa settimana

Parma, 28 novembre 2022 – Proseguono anche questa settimana gli eventi collaterali alla mostra “Vedere l’invisibile. Dall’infinitamente piccolo all’infinitamente grande”, organizzata dal Sistema Museale di Ateneo dell’Università di Parma e aperta all’APE Parma Museo fino al 15 gennaio 2023.

Si tratta di un’ampia rassegna di conferenze, laboratori e convegni pensata come una serie di eventi satellite della mostra, dedicati a focalizzare e approfondire il tema dell'invisibile in vari aspetti delle scienze, della medicina, dell'arte e della letteratura.

La settimana si apre con una conferenza del ciclo “Scienza e letteratura”, a cura di Carlo Varotti e Isotta Piazza : l’appuntamento è per mercoledì 30 novembre alle 14.30 con la lezione di Martina Mengoni e il laboratorio didattico curato da Raffaela Cornacchia sul tema “Primo Levi e le Storie Naturali”.

Nel pomeriggio di giovedì 1° dicembre è prevista una serie di tre incontri incentrati su infinitamente piccolo e infinitamente grande nella fotografia e nella pittura, a cura di Silvio Wolf e Cristina Casero (La Fotografia: un mezzo per indagare l’invisibile), Giorgio Milanesi (L’efficacia delle immagini invisibili in epoca medievale) e Gianluca Poldi (Vedere l’invisibile in pittura: errori, evoluzioni, riutilizzi, recuperi. Quando la scienza incontra l’arte), in programma rispettivamente alle 15, alle 16.30 e alle 18.

La mostra non si rivolge solo agli adulti e ai ragazzi più grandi. Anche i più piccoli sono coinvolti nei tanti aspetti dell'infinitamente piccolo e grande.  Venerdì 2 dicembre, alle 17, Ada Cigala e Claudia Lichene parleranno di “Vedere l’in-visibile al nido e alla scuola dell’infanzia: il laboratorio scientifico”.

Tutti gli eventi si svolgono all'Auditorium di Ape Parma Museo, Strada Farini 32/A, Parma.

Ingresso libero fino a esaurimento posti.

La mostra “Vedere l’invisibile. Dall’infinitamente piccolo all’infinitamente grande” è organizzata con il patrocinio del Comune di Parma e la collaborazione di Fondazione Monteparma, Ministero dell’Università e della Ricerca, Istituto dei Materiali per l’Elettronica e il Magnetismo del Consiglio Nazionale delle Ricerche di Parma, Istituto di Astrofisica e Planetologia Spaziali dell’Istituto Nazionale di Astrofisica (Roma), VIRGO, European Gravitational Observatory e Istituto Nazionale di Fisica Nucleare.

Info: https://vederelinvisibile.com/

All’Auditorium di APE Parma Museo. Il 30 novembre, il 1° e il 2 dicembre i prossimi appuntamenti collaterali alla mostra organizzata dall’Università di Parma

Si Sidebar (nella colonna di destra sotto il menu di navigazione contestuale se presente) Vedere l'invisibile Nascondi

14 dicembre: presentazione al territorio del Tavolo di Coordinamento delle Azioni di Giustizia Sociale dell'Ateneo

Parma, 28 novembre 2022 - Mercoledì 14 dicembre, alle 16.30, nell’Aula dei Filosofi della Sede centrale dell’Ateneo (via Università 12 – Parma), si terrà la presentazione al territorio del TAGSO - Tavolo di coordinamento delle Azioni di Giustizia Sociale dell'Università di Parma.  

Il Tavolo, istituito nel 2021, ha come obiettivo la condivisione di buone pratiche in ambito sociale e coordina i progetti di inclusione e accoglienza portati avanti dall’Ateneo, in sinergia con le principali realtà del territorio.

Denso il programma del pomeriggio, che vuole dare voce alle numerose realtà dell’Ateneo che si occupano di inclusione e giustizia sociale:

  • ore 17: Il Tavolo di coordinamento delle Azioni di Giustizia Sociale dell'Università di Parma - Fabrizio Storti, Pro Rettore con delega alla Terza Missione e Presidente TAGSO
  • ore 17.10: L’inclusione dei rifugiati nei corsi di studio dell’Ateneo - Emanuele Castelli, Coordinatore del gruppo di Ateneo a favore dell’integrazione dei rifugiati
  • ore 17.20: L’importanza della equità per la realizzazione degli obiettivi dell’Agenda 2030 - Alessio Malcevschi, Rappresentante di Ateneo nella Rete di Università per lo Sviluppo sostenibile - RUS
  • ore 17.30: Cooperazione Interuniversitaria: costruire ponti tra le disuguaglianze - Nadia Monacelli, Direttrice del Centro Universitario per la Cooperazione Internazionale - CUCI
  • ore 17.40: Il CUG nelle Pubbliche Amministrazioni: l’importanza di costruire una rete territoriale a tutela delle Pari opportunità - Francesca Nori, Presidente del Comitato Unico di Garanzia dell’Ateneo - CUG
  • ore 17.50: L'Università di Parma e la Rete della Università per la Pace – RUNIPACE - Alessandro Pagliara, Rappresentante di Ateneo nella Rete delle Università per la Pace - RUNIPACE
  • ore 18: Il Public Engagement come costruzione collettiva del sapere: il carcere come contesto emblematico - Vincenza Pellegrino, Delegata del Rettore per i Rapporti tra Università e Carcere
  • ore 18.10: Dall’inclusione universitaria a quella sociale senza soluzione di continuità - Dolores Rollo, Direttrice del Centro di Servizi “Accoglienza e Inclusione” - CAI
  • ore 18.20: La ricerca sociale per un'Università situata - Chiara Scivoletto, Direttrice del Centro Interdipartimentale di Ricerca Sociale “Diritti società civiltà” – CIRS

Alle 16.30 in Aula dei Filosofi. Il Tavolo coordina i progetti di inclusione e accoglienza portati avanti dall’Ateneo, in sinergia con le principali realtà del territorio

Si Sidebar (nella colonna di destra sotto il menu di navigazione contestuale se presente) Unipr Nascondi

6 dicembre: seminario “Luci sull’Iran”

Parma, 28 novembre 2022 – Martedì 6 dicembre, alle 16, nell'Aula A del Plesso Biotecnologico (via Volturno), si terrà il seminario Luci sull’Iran, promosso dal corso di laurea in Infermieristica, da studentesse e studenti dei corsi di Infermieristica e Medicina e Chirurgia e dalla Comunità Iraniana di Parma.

Parteciperanno all'incontro la Presidente del corso di Infermieristica Elena Giovanna Bignami, il referente per l’internazionalizzazione di Infermieristica Sandrino Marra, il Presidente della Comunità Iraniana di Parma e provincia Askan Rostami e l’avvocato giuslavorista Marion Gajda.

Sarà un’occasione per tenere accesa la luce su quanto sta accadendo in Iran e approfondire come si è arrivati a questa situazione, attraverso la conoscenza della storia moderna e contemporanea, della geopolitica e della religione nell'area del territorio dell'antica Persia.

Alle 16 nell'Aula A del Plesso Biotecnologico di via Volturno, promosso da docenti e studenti di Infermieristica e Medicina e Chirurgia e dalla Comunità Iraniana di Parma

Si Sidebar (nella colonna di destra sotto il menu di navigazione contestuale se presente) Luci sull'Iran Nascondi

9 dicembre: chiuse le strutture dell’Università di Parma

Ultimo aggiornamento 5 dicembre 2022 - L’Università di Parma comunica che in occasione della Festività dell’Immacolata Concezione, che ricorre di giovedì, venerdì 9 dicembre le strutture dell’Ateneo resteranno chiuse al pubblico ad eccezione di quelle con obbligo di apertura istituzionale, ossia quelle di assistenza ospedaliera.

Il 9 dicembre sarà chiuso anche il ParmaUniverCity Info Point, punto di informazione e accoglienza dell’Ateneo nel sottopassaggio del Ponte Romano a fianco di piazza Ghiaia.

Sarà invece aperto il Museo CSAC nei seguenti orari:

  • giovedì 8 dicembre dalle 10 alle 19
  • venerdì 9 dicembre dalle 9 alle 15
  • sabato 10 dicembre dalle 10 alle 19
  • domenica 11 dicembre dalle 10 alle 19.

Sarà possibile vistare la chiesa abbaziale, la sala ipogea e la mostra di Vasco Ascolini nella sala delle colonne.

Le attività dell'Ateneo riprenderanno regolarmente lunedì 12 dicembre.

Chiuso anche il ParmaUniverCity Info Point. Lo CSAC aperto per le visite da giovedì 8 a domenica 11 dicembre.

Natale 2019 Le attività riprenderanno lunedì 12 dicembre No Sidebar (nella colonna di destra sotto il menu di navigazione contestuale se presente) 9 dicembre: chiuse le strutture dell’Ateneo Facciata sede centrale.jpg Nascondi

Dal 30 novembre al 2 dicembre l’Università di Parma a Campus Bari-Salone dello Studente

Parma, 25 novembre 2022 - L’Università di Parma parteciperà con un proprio stand istituzionale a Campus Bari-Salone dello Studente, in programma alla Fiera del Levante (Lungomare Starita) da mercoledì 30 novembre a venerdì 2 dicembre, con orario 9-13.30.

Nello stand dell’Università di Parma, presente al Salone dello Studente di Bari da diversi anni, saranno a disposizione dei visitatori guide e numeroso materiale informativo, e verranno date informazioni sui corsi di studio che compongono l’offerta formativa dell’Ateneo di Parma e sui numerosi servizi che vengono offerti agli studenti, in particolare a quelli fuori sede.

Al Salone dello Studente sarà possibile dialogare con tutte le Università e gli espositori presenti, oltre a poter scansionare i QR-code e scoprire le vetrine virtuali, i contenuti multimediali, i video e le brochure. Sono previste simulazioni di test d’orientamento e d’ingresso per mettere alla prova e valutare le proprie competenze.

È possibile seguire l’evento anche in streaming su www.salonedellostudente.it.

Alla Fiera del Levante, Lungomare Starita

No Sidebar (nella colonna di destra sotto il menu di navigazione contestuale se presente) Salone dello Studente di Bari Nascondi

30 novembre: convegno “Un tesoro a Parma” sul manoscritto Parm. 1194 della Biblioteca Palatina

Parma, 25 novembre 2022 – Mercoledì 30 novembre, alle 16 nella Sala Conferenze del Complesso Monumentale della Pilotta, si terrà il convegno “Un tesoro a Parma: meraviglie e misteri nelle immagini del manoscritto Parm. 1194 della Biblioteca Palatina”.

L’evento è organizzato da Andrea Errera, docente dell’Università di Parma, con la collaborazione di Paola Cirani, direttrice della Biblioteca Palatina. L’incontro, aperto al pubblico, è organizzato nell’ambito di un accordo di Terza Missione tra l’Ateneo e il Complesso Monumentale della Pilotta.

Relatori del convegno saranno Paola Cirani (“La Biblioteca Palatina e il manoscritto parmense 1194”), Andrea Errera (“Imagines agentes: vedere con gli occhi della mente nella scienza medievale”), Mario Prignano (“Quando i papi erano tre. Lo Scisma d’Occidente e le avventure dell’altro Giovanni XXIII”), Giusi Zanichelli (“Propaganda multimediale al servizio dei papi e il manoscritto 1194”) e Francesco Rocco Rossi (“Godi natura universal celeste: un ponte tra la musica mundana e la prassi improvvisativa”).

Il manoscritto 1194 del Fondo Parmense della Biblioteca Palatina contiene una testimonianza straordinaria, giacché al suo interno si trova il De magno schismate occidentali, ossia l’unica copia superstite di un’opera composta verosimilmente nel 1419 dal cronista Antonio Baldana per narrare le vicende dello scisma d’Occidente, che consiste in quella singolare fase della storia della Chiesa, tra il 1378 e il 1418, in cui furono ad un certo punto in carica addirittura tre papi, ciascuno pienamente convinto di detenere in modo pienamente legittimo il potere pontificio.

L’opera di Baldana descrive le vicende dello scisma non solo testimoniando una grande abilità letteraria – giacché si alternano al suo interno con competenza ed estro molti stili espositivi diversi, tanto in prosa quanto in poesia – ma anche dimostrando una singolarissima capacità inventiva dal punto di vista della tecnica espositiva, perché Baldana decide di narrare quella storia soprattutto ricorrendo alla presentazione di suggestive raffigurazioni dipinte. In altre parole, il manoscritto Parm. 1994 offre una spettacolare successione di raffinatissime illustrazioni che descrivono per immagini (alla stregua dei moderni libri a fumetti) tutta la progressione delle vicende che avevano caratterizzato lo scisma. Conclude l’opera persino un componimento musicale, concepito come canto di giubilo per la felice soluzione della discordia all’interno della Chiesa.

Il manoscritto è ben conosciuto dagli storici, ma sono ancora rimasti da analizzare alcuni aspetti problematici – che si possono definire anche “misteri”, vista la loro natura di questioni tuttora irrisolte – di cui si occuperà questo convegno.

Alle 16 in Pilotta. Evento organizzato da Andrea Errera dell’Università di Parma nell’ambito di un accordo di Terza Missione tra Ateneo e Complesso Monumentale della Pilotta

No Sidebar (nella colonna di destra sotto il menu di navigazione contestuale se presente) Biblioteca Palatina Nascondi

The City Project: dal 29 novembre al 2 dicembre 4 convegni internazionali all’Università di Parma

Parma, 25 novembre 2022 – Dal 29 novembre al 2 dicembre all’Università di Parma 4 convegni internazionali sui temi della città e del suo sviluppo. Il Laboratorio di Ricerca Smart City 4.0 Sustainable LAB del Dipartimento di Ingegneria e Architettura, in collaborazione con le Università di Bologna, Ferrara, Modena e Reggio Emilia, promuove infatti l’organizzazione della sessione di convegni internazionali The City Project, con diversi appuntamenti nelle sedi accademiche della Regione Emilia-Romagna. L’iniziativa si inserisce all’interno del progetto biennale di Alta Formazione The City School. Sperimentare la città delle persone 4.0. Il progetto urbano sostenibile della mobilità autonoma e della Smart Grid in Emilia-Romagna, finanziato dalla Regione, con il coinvolgimento di ANCI Emilia-Romagna, ANCE, CNA, Lagacoop, Federazioni regionali degli Ordini professionali di Architetti, Ingegneri, Geometri e Periti con l’adesione di AIPO, Autorità di Bacino del fiume Po, Protezione Civile Regionale e ARPAE.

Quattro dunque i convegni a Parma, al Centro Sant’Elisabetta dell’Università (Campus Scienze e Tecnologie).

Il primo, martedì 29 novembre dalle 9.30 alle 17, organizzato dai docenti Antonio D’Aloia e Simone Scagliarini e realizzato in collaborazione con l’Università di Modena e Reggio Emilia, si occuperà dei temi del diritto costituzionale: Il diritto “alla” (e “sulla”) città intelligente: la sfida della regolazione della smart city il titolo dell’appuntamento, che potrà essere seguito anche da remoto a questo link 

Il secondo convegno, mercoledì 30 novembre dalle 9 alle 18.30, sarà Social homing/Social working. Abitare e lavorare insieme. Curato dai docenti Dario Costi e Fabrizio Montanari e organizzato sempre in collaborazione con l’Università di Modena e Reggio Emilia, verterà sui temi di abitare e lavorare sociale e potrà anch’esso essere seguito anche da remoto a questo link 

Il terzo convegno, giovedì 1 e venerdì 2 dicembre dalle 10, curato da Dario Costi e Antonello Alici, sarà sul progetto urbano. Identità e attualità del progetto urbano contemporaneo. Il timone della Smart City e la strategia dei vuoti, il titolo dell’evento. Anche questo potrà essere seguito anche da remoto. I lavori del 1° dicembre a questo link e quelli del 2 dicembre a questo link 

Infine il quarto convegno, venerdì 2 dicembre dalle 8.30 alle 18, curato dal docente Roberto Menozzi, affronterà le tematiche dell’ingegneria dell’informazione. Anche ICT for Smart Cities & Societies: What’s Going on and What’s Next potrà essere seguito anche da remoto, a questo link 

Gli altri 4 convegni di The City Project si terranno nelle altre sedi universitarie regionali: all’Università di Bologna Presente e futuro delle comunità energetiche nel quadro delle Mission EU e TEMPORARY Citizenship, Architecture and City; all’Università di Ferrara Matching real and digital cities Small Smart Cities in rete; all’Università di Modena e Reggio Emilia Mobility As A Service come innesco per la trasformazione degli spazi pubblici e connettivi della città.

Promossi dal Laboratorio di Ricerca Smart City 4.0 del Dipartimento di Ingegneria e Architettura in collaborazione con gli Atenei di Bologna, Ferrara, Modena e Reggio Emilia

Si Sidebar (nella colonna di destra sotto il menu di navigazione contestuale se presente) Centro S.Elisabetta ingresso Nascondi

2 dicembre: “Sistema Buzzati. L’autore e le industrie culturali del Novecento”

Parma, 25 novembre 2022 - Nel cinquantenario della morte di Dino Buzzati (1906-1972), dopo il ciclo di film a lui dedicato, il gruppo di lavoro “Officina 900” del Dipartimento di Discipline Umanistiche, Sociali e delle Imprese Culturali (DUSIC) dell’Università di Parma organizza il seminario “Sistema Buzzati. L’autore e le industrie culturali del Novecento”. L’appuntamento è in programma per il pomeriggio di venerdì 2 dicembre, a partire dalle 14.30, nell’Aula C del Plesso D’Azeglio (via D’Azeglio 85).

L’evento intende fornire una rappresentazione a tutto tondo delle molteplici attività intellettuali di Dino Buzzati (dalla letteratura al giornalismo all’illustrazione), allo scopo di tratteggiare la centralità che il “sistema” artistico buzzatiano assume nell’industria creativa del Novecento.

Il seminario, a cura di Giulio Iacoli e Isotta Piazza , si divide in una prima parte, dal titolo “Dal cantiere buzzatiano. Un profilo di scrittore, fra narrativa e cronache” (coordinata da Isotta Piazza), che accoglie i contributi di Silvia Zangrandi (IULM), “Un paese in trasformazione: l’Italia nella narrativa buzzatiana del dopoguerra”, Simone Marsi (Università di Parma), “Buzzati e l’istituzione scolastica: tra manuali e proposte didattiche”, e Stefania Sini (Università del Piemonte Orientale), “La ‘moderna magia’ dei ‘grandi feticci’: Dino Buzzati tra avanguardia e pop art”.

Nella seconda parte, dal titolo, “Comporre, illustrare, adattare. Modalità e sviluppi intermediali dell’opera buzzatiana”, coordinata da Giulio Iacoli, vi saranno i contributi di Marco Perale (Associazione Internazionale Dino Buzzati), “Buzzati e il Poema a fumetti: indizi per una diagnosi filologica” e Nicola Dusi (Università di Modena e Reggio Emilia), “Traduzione intersemiotica da Buzzati a Olmi”.

In coda agli interventi è previsto uno spazio per la discussione e le conclusioni.

Dalle 14.30 nell’Aula C del Plesso D’Azeglio. Il seminario organizzato dal gruppo di lavoro “Officina 900” del Dipartimento di Discipline Umanistiche, Sociali e delle Imprese Culturali

Si Sidebar (nella colonna di destra sotto il menu di navigazione contestuale se presente) Seminario su Dino Buzzati Dalle 14.30 nell’Aula C del Plesso D’Azeglio. L’appuntamento organizzato dal gruppo di lavoro “Officina 900” del Dipartimento di Discipline Umanistiche, Sociali e delle Imprese Culturali Nascondi

28 novembre: Presentazione convenzione con il Collegio Nazionale degli Agrotecnici e Agrotecnici laureati per corsi di laurea a orientamento professionale

Parma, 25 novembre 2022 – Sarà presentata lunedì 28 novembre la convenzione tra l’Università di Parma e il Collegio Nazionale degli Agrotecnici e Agrotecnici laureati per la realizzazione di corsi di laurea a orientamento professionale.

La conferenza stampa è in programma per le 11 al ParmaUniverCity Info Point (Sottopasso al Ponte Romano, 2/A).

Interverranno il Rettore Paolo Andrei, il Presidente Collegio Nazionale degli Agrotecnici e Agrotecnici laureati Roberto Orlandi, la Prorettrice alla Didattica e Servizi agli studenti Sara Rainieri  e i docenti dell’Università di Parma Tommaso Ganino e Andrea Summer .

 



Conferenza stampa alle 11 al ParmaUniverCity Info Point

Si Sidebar (nella colonna di destra sotto il menu di navigazione contestuale se presente) ParmaUniverCity Infopoint Nascondi