Alma universitas studiorum parmensis A.D. 962 - Università di Parma

Event description

Un'esposizione unica nel suo genere che ripercorre in oltre 200 oggetti figurativi (erbari storiciillustrazioni botaniche, stampe in nature printing e xiloteche, ma anche fotografie moderne e immagini ad alta tecnologia) il rapporto inesauribile che lega umanità e natura, botanica e immagini, scienza e arte.

Realizzata dall’Università di Parma in collaborazione con il Comune di Parma e il sostegno di Fondazione Cariparma, Gruppo Chiesi e Gruppo Davines, Impronte dipana nelle sue 10 sezioni il filo della memoria naturale che da sempre l’uomo cerca di cogliere e fissare, dalla carta degli erbari alle odierne immagini satellitari dei censimenti arborei, passando per illustrazioni, taccuini, modellini e persino risonanze magnetiche e sguardi ai raggi X. Al centro, ideale e concreto raccordo tra le epoche, l’installazione audiovisiva Artificial Botany, a cura di fuse*, che esplora suggestioni e capacità espressive delle illustrazioni botaniche classiche attraverso l’uso di moderni algoritmi di apprendimento automatico.

Modalità di accesso

In presenza: Ingresso libero fino esaurimento posti

La mostra è visitabile gratuitamente fino all’1 aprile, da mercoledì a domenica dalle 10 alle 19, festivi inclusi.

Modificato il

Contenuti correlati

Impronte. Noi e le piante: dal 13 gennaio al 1° aprile a Palazzo del Governatore

In mostra 200 immagini per raccontare l’evoluzione del rapporto tra botanica e visual culture: dagli erbari alle tecnologie più evolute che aiutano agricoltura e ambiente
Scopri di piùImpronte. Noi e le piante: dal 13 gennaio al 1° aprile a Palazzo del Governatore