Alma universitas studiorum parmensis A.D. 962 - Università di Parma

Parma, 7 febbraio 2024 - C'è chi diventerà esperto di innovazione alimentare, chi si occuperà di ambiente da un punto di vista scientifico o politico, chi applicherà le nuove scoperte dell’ingegneria alla medicina o chi progetterà le imbarcazioni del futuro. Le possibilità formative per chi studia in Emilia-Romagna si arricchiscono, diventando sempre più attrattive, competitive e adeguate ai tempi.

Il Co.Re.Co. dell’Emilia-Romagna (Comitato Regionale di Coordinamento delle Università), ha espresso infatti all’unanimità il parere favorevole all’attivazione di 12 nuovi corsi di laurea a partire dall’anno accademico 2024-2025. Si tratta del secondo passo, che ha fatto seguito al via libera da parte dagli organi accademici di ogni Ateneo. Rimane ora da attendere il parere del CUN (Consiglio Universitario Nazionale) e dell’ANVUR (Agenzia Nazionale di Valutazione del Sistema Universitario e della Ricerca), prima che la proposta arrivi al Ministero dell’Università e della Ricerca per l’approvazione definitiva.

La proposta universitaria in Emilia-Romagna, dunque, si arricchisce di 12 nuovi corsi: 8 lauree magistrali e 4 corsi triennali. La peculiarità delle scelte fatte è legata da un lato all’attenzione per il territorio regionale e per le sue caratteristiche (si pensi all’interesse per le produzioni alimentari, la nautica e il biomedicale), dall’altro alla consapevolezza del ruolo sempre maggiore che in futuro sarà ricoperto dai servizi di cura della persona (alcuni corsi riguardano le scienze infermieristiche e la psicologia).

Il tutto tenendo bene a mente gli obiettivi che la Regione, attraverso il Patto per il Lavoro e per il Clima, persegue da diversi anni, e cioè da un lato la sostenibilità ambientale, dall’altro l’internazionalizzazione: non a caso 5 corsi su 12 saranno tenuti in lingua inglese.

In questo quadro, 4 sono i nuovi corsi targati Unipr.

L’Università di Parma propone il corso triennale in Scienze e tecniche psicologiche per le sfide contemporanee con l’intento di formare figure professionali che operino come collaboratori tecnici nei vari ambiti psicologici. Il contesto è quello dei servizi diretti alla persona, alle famiglie, ai gruppi, alle organizzazioni, alle comunità e alle istituzioni. Dopo la laurea triennale è possibile accedere ai corsi di laurea magistrale di Psicologia e ai master di I livello nello stesso settore. Un altro corso triennale di Parma abiliterà invece alla professione sanitaria di Terapista della neuro e psicomotricità dell’età evolutiva.

Due le novità in inglese per Unipr. La laurea magistrale in Global Food Law: Sustainability Challenges and Innovation mira a formare professionisti specializzati nel cibo in grado di analizzare sotto diversi profili giuridici, politologici ed economici le sfide della sostenibilità e dell’innovazione nel settore agro-alimentare. La laurea magistrale in Functional and Sustainable Materials rappresenta invece la naturale prosecuzione del corso di laurea in Scienza dei materiali, e offre accesso privilegiato al corso di dottorato in Scienza e tecnologia dei materiali. A livello nazionale è il solo corso di laurea magistrale in grado di coniugare la Scienza dei materiali con i temi della sostenibilità.

Il comunicato della Regione Emilia-Romagna

Modificato il