Richiesta certificati

Le pubbliche amministrazioni e i gestori di pubblici servizi non possono più richiedere né accettare dai privati certificati e atti di notorietà prodotti da altri uffici pubblici e sono invece obbligati ad accettare le dichiarazioni sostitutive di certificazioni o di atto di notorietà, prodotte secondo le disposizioni del D.P.R. 28.12.2000, n. 445.

Con la dichiarazione sostitutiva di certificazioni si possono dichiarare una serie di stati, qualità personali e fatti, espressamente previsti dalla legge, in sostituzione delle normali certificazioni. Con la dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà si possono dichiarare stati, qualità personali e fatti, anche relativi ad altri soggetti, di cui l’interessato è a diretta conoscenza (fatte salve le eccezioni espressamente previste dalla legge) e che non rientrano tra quelli oggetto di dichiarazione sostitutiva di certificazione.

I certificati devono essere ordinariamente rilasciati in bollo (un contrassegno, al momento pari ad € 16,00 per ciascun certificato richiesto, per ogni foglio composto da quattro facciate), salvo ricorra una delle ipotesi di esenzione dal bollo previste dalla normativa. Se il certificato da rilasciare è soggetto ad imposta di bollo, anche la richiesta di rilascio di certificato è soggetta ad imposta di bollo.

Normativa di riferimento

  • L. 12.11.2011 n. 183
  • D.P.R. 28.12.2000, n. 445
  • Art. 5 comma 1 D.P.R. n. 642/72
Modificato il

Contenuti correlati

Gestione carriera per il personale docente e ricercatore

Cosa fare e a chi rivolgersi per le diverse pratiche relative alla carriera di docenti e ricercatori.
Scopri di piùGestione carriera per il personale docente e ricercatore